GUIDA AL PARCO MARINO DELLE ISOLE SIMILAN

GUIDA AL PARCO MARINO DELLE ISOLE SIMILAN

Famosissimo tra gli appassionati di immersioni di tutto il mondo, il meraviglioso PARCO NAZIONALE MARINO DELLE ISOLE SIMILAN si estende su una superficie di oltre 70kmq a 70 km dalla costa della provincia di Phang-Nga, nel centro-sud della Thailandia.
Coperte di foreste pluviali, orlate di spiagge bianchissime e circondate dalla barriera corallina, le isole di liscio granito che costituiscono il parco sono spettacolari sia al di sopra sia al di sotto della superficie del mare. Vi sembrerà qui, di essere in PARADISO!!!!
In questo articolo vogliamo fornirvi la nostra GUIDA AL PARCO MARINO DELLE ISOLE SIMILAN!!!

Parco nazionale delle Isole Similan

IL PARCO MARINO

Mappa del Parco Marino delle Isole Similan

Le Isole Similan si trovano nel Mar delle Andamane e distano circa 80-100 chilometri dalla più nota e frequentata Phuket. Esse sono molto conosciute ed apprezzate per le meraviglie nascoste sui fondali e vengono inserite spesso nell’ elenco dei dieci siti di immersione più belli ed interessanti al mondo!!! 
Per la precisione le isole sono: Koh Ba Hgu, Similan, Payu, Miang, Payang, Payan, Payu, Hu Yong, Hin Pousar e Koh Bon che, pur trovandosi più distante, fa comunque parte ufficialmente del parco marino.

Il nome Similan significa “nove” e deriva dal termine malese “sembilan”. Nel 1998, infatti, il Parco Marino era formato da nove isole (ecco appunto perchè Parco Similan) ma è stato esteso fino a comprendere anche le isole di Ko Bon e Ko Tachai (quest’ultima poi chiusa ai visitatori per eccesso di turismo) arrivando oggi ad undici.
Ciascuna isola ha un numero ma solo due su undici, ovvero Ko Miang (Isola 4) e Ko Similan (Isola 8) dispongono di strutture ricettive e di quasi tutti i servizi per i viaggiatori. 

Il parco fa tutt’oggi parte di un progetto per la salvaguardia delle specie animali che abitano le isole e questo riguarda in particolare tre delle isole, che sono chiuse ai visitatori per preservare le tartarughe e le formazioni coralline del fondale. Inoltre è severamente vietato pescare in tutta l’area dell’arcipelago!!!

QUANDO ANDARE

Il periodo migliore per organizzare un viaggio nell’arcipelago delle Isole Similan è sicuramente da Dicembre a massimo Aprile, quando non ci sono gli effetti dei monsoni che portano venti mossi, pioggia, umidità e mare mosso in questa zona della Thailandia. Prima di prenotare è bene sapere che, in genere le isole sono accessibili dal 15 Ottobre al 15 Maggio, ma, poiché le date possono cambiare ogni anno, è bene sempre informarsi prima!!!

COME RAGGIUNGERE LE ISOLE

In questa GUIDA AL PARCO MARINO DELLE ISOLE SIMILAN vogliamo ora darvi le indicazioni su come raggiungerlo.
Per raggiungere il parco marino delle Isole Similan è possibile partire  da Phuket e Khao Lak o Phang Nga, prenotando escursioni di un giorno o barche che ti lasciano lì per tutto il tempo in cui desideri fare snorkeling o immersioni. 
Da notare che, il prezzo che andrete a “contrattare” deve includere il biglietto di ingresso al parco di 500 bath!

Per raggiungere il parco in autonomia è necessario usufruire dei servizi che offrono il trasporto via barca partendo da Khao Lak, nella provincia di Phang Nga, e ci vorranno da un’ora alle tre ore, a seconda della velocità del mezzo, per raggiungere l’arcipelago. Le partenze sono effettuate anche dal porto Thap Lamu, che organizzano tratte ad un costo che si aggira intorno ai 2000/2500 Baht , con partenza ogni giorno alle ore 08:00.

AGGIORNAMENTO : Ad oggi non è più possibile raggiungere le isole in autonomia e, al contrario di qualche anno fa, NON E’ POSSIBILE PERNOTTARE SULLE ISOLE!

IMMERSIONI E SNORKELING

Le isole Similan offrono siti di immersione adatti per qualsiasi livello di esperienza, con profondità che possono variare dai 2 ai 30 metri. 

Ko Hin Pousar (Isola 7) è l’isola dove, durante il vostro snorkeling, potete trovare una vita marina davvero variegata. E’ infatti qui che potrete osservare banchi di pesci di ogni colore, coralli morbidi, minuscoli spirografi e anche rari squali balena

Ko Bon, la quale è stata risparmiata parzialmente dal problema dello sbiancamento dei coralli, è tra le zone migliori per le immersioni;

– Ci sono siti di immersione anche in ciascuna delle sei isole a nord di Ko Miang mentre è assolutamente VIETATO fare snorkeling nella parte meridionale del parco (Isola 1, 2, 3).

Da notare che, all’interno del parco non sono presenti strutture per i sub ed è quindi indispensabile prendere parte a una escursione organizzata. I centri di immersione di Hat Ao Lak, cosi come quelli di Phuket organizzano uscite in giornata, al costo di 6000 bath, che prevedono due o tre immersioni.


SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL:


L’articolo ti è piaciuto?
Lo hai trovato utile?
Hai dubbi o domande? Scrivimi pure nei commenti e se ti va condividi questo articolo con i tuoi amici!!!
Un abbraccio grande!!!

PROFILONOMADE – IL BLOG DI VIAGGIO DI DANILO E MARCELLA


ISCRIVITI ALLA NOSTRA MAILING LIST:


Potrebbero anche interessarti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *