Home ThailandiaLopburi Visita a Lopburi la città invasa dalle scimmie

Visita a Lopburi la città invasa dalle scimmie

124 Visite

Uomini adulti armati di fionde, vecchiette con pali lunghi 2 metri e coccodrilli giocattolo che danno capolino dalle vetrine dei negozi: Visita a Lopburi, la città invasa dalle scimmie

Viaggiatori benvenuti a Lopburi, la città invasa dalle scimmie.

Lopburi è una tranquilla cittadina, al centro della Thailandia, che dista circa 145 Km dalla capitale della Thailandia, Bangkok e circa 65 Km dall’antica capitale Ayutthaya. Deve la fama principalmente alle sue antiche rovine dei templi e ad un vivace e cospicuo branco di scimmie dispettose che hanno letteralmente invaso la città.


La storia della città di Lopburi

Lopburi è una delle città più antiche di tutta la Thailandia e si sviluppò inizialmente durante il periodo Dvaravati, una antica civiltà Buddista che fiorì nel centro della Thailandia  (dal VI al X secolo circa). In quel periodo Lopburi a tutti era nota con il nome di Lavo.
All’inizio del X secolo, al tempo di Suryavarman I, Lopburi fu assorbita nell’impero Khmer di Angkor ecco perché l’architettura e le opere d’arte che si possono vedere oggi vedere risalgono all’impero khmer o a quello di massimo splendore di Ayutthaya
Visita a Lopburi, la città invasa dalle scimmie

Le antiche rovine della città vecchia di Lopburi
Le antiche rovine della città vecchia di Lopburi

Leggi anche i nostri articoli sulla città di Ayutthaya:


Con il declino di Sukhothai nel XIV secolo, Lopburi fu assorbita nel regno Thai di Ayutthaya. Uno dei monarchi più importanti di Ayutthaya, re Narai il Grande (1656-1688) designò Lopburi come sua seconda capitale, trascorrendo in città molti mesi all’anno.
Re Narai trasformò molti dei templi Khmer in santuari buddisti e costruì un grande palazzo sul fiume Lopburi, i cui resti sono una delle principali attrazioni del centro storico. 
Dopo la morte del re Narai, la città fu abbandonata per quasi 170 anni, fino al XIX secolo quando il re Rama IV ordinò il restauro del palazzo che successivamente utilizzò come residenza estiva.
Visita a Lopburi, la città invasa dalle scimmie


Leggi anche i nostri articoli sulla città di Sukhothai:



Le scimmie di Lopburi

Scimmiette intente a pranzare lungo la linea ferroviaria che passa per Lopburi
Scimmiette intente a pranzare lungo la linea ferroviaria che passa per Lopburi

Centinaia di macachi rhesus e cinomolghi (e anche incroci tra queste due specie) scorrazzano in un’ampia zona della Città Vecchia, si lanciano tra i tetti e i pali della luce, si arrampicano sulle automobili, scivolano lungo le tende parasole e si contendono gli scarti del cibo.
Le loro scorribande continue hanno valso alla città di Lopburi oggi il titolo “Città delle Scimmie”. Anche se, come abbiamo avuto modo di capire molti abitanti del posto detestano le scimmie, nessuno fa loro del male poiché secondo la credenza locale questi animali sono discendenti dalle divinità hindu Hanuman, di conseguenza maltrattare anche solo una scimmia può avere un pessimo effetto sul proprio karma. 

Scimmie intente all'attraversamento dei binari
Scimmie intente all’attraversamento dei binari

Prestate sempre molta attenzione quando vi trovate vicino alle scimmie. Sono si tendenzialmente animali bellissimi e molto carini ma pur sempre animali selvatici che vivono in condizioni igieniche davvero precarie. Un consiglio: non portate con voi cibo o oggetti a vista quando girate in zone popolate da scimmie altrimenti potrebbero rubarvelo. Inoltre, se una scimmia cercherà di afferrare il vostro cibo, non cercate assolutamente di resistere, poiché sono animali che a volte mordono e i loro morsi ovviamente possono provocare anche infezioni.
I luoghi dove potete trovare quasi tutte le scimmie di Lopburi sono il


Profilonomade – Il blog di viaggi di Danilo e Marcella


Continua a seguirci sui nostri social:


Se le nostre avventure intorno al mondo ti piacciono e i nostri consigli di viaggio ti risultano utili, sostienici in maniera tale che possiamo continuare a scriverne. GRAZIE DI CUORE!


ISCRIVITI ALLA NOSTRA MAILING LIST:




You may also like

Leave a Comment

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.